Emigrazione

Si parla del più e del meno. Come stai, che fai, come va la vita. Aggiornamenti.

“Sono un po’ preoccupato per il mio futuro e penso all’emigrazione (ma non ho ancora capito come si fa)”.

Come si fa, come si fa?
E come vuoi che si faccia?
Penso a me. Una ricetta vera non ce l’ho, in effetti.

Una valigia, ma più facilmente uno zaino.
Bello grosso, ma non troppo, ché sennò non ce la fai a portarlo. 60 litri, ecco.
Metti dentro le cose.
Poche cose, ché sennò poi non sono gestibili. Poi ti conosci bene, sei sentimentale e va finire che non sei capace a staccartene.
Poche cose. Indispensabili.
Si potrebbe discutere a fondo dell’indispensabilità della spugnetta lucidascarpe regalo (inutile) di mamma, ma be’, soprassediamo. Regalo di mamma è regalo di mamma… Condannata sarà a traslocare con te per i secoli di secoli finché -ohibò- finalemente non la perderai tirando un sospiro di sollievo (nostalgia).
Il biglietto.
Se è treno o nave è meglio. Se fosse a piedi sarebbe il massimo, ma non siamo più -digraziatamente- nel XIX secolo. Finirà per essere aereo.
Sali.
E non ti volti.
Sennò è la fine.
Purtroppo invece ti volti sempre. Ma la lacrimuccia riesce sempre a non uscire. Salvata la faccia, dai (finta) prova di enorme (minuscolo) coraggio e poi vai. Senza voltarti, dai, su.
Poggi il culo sul sedile e va subito meglio.
Sì… finché non ti metti a pensare.
E tanto ti ci metti sempre a pensare.
Gli amici, la famiglia, le cose, la casa, la città. Tutta mia la città… Sì, ma quale?
Poi infine, c’è l’avventura, la tua sola grande amica.
L’unica che ti può salvare.
Quando finisce e si trasforma in routine sarà un po’ triste, ma sarà fatta.
Gli amici, la famiglia, le cose, la casa, la città… sono qui, adesso.

Come si fa, come si fa?
Si fa. Ecco.

Annunci

Informazioni su chiara mazza

Classe '82, sono dottore di ricerca in linguistica, amo le lingue e i viaggi, la psicologia, le filosofie. Mi piacciono soprattutto le parole. E le storie fatte di parole. E i pezzi di parola che fanno le storie. E il parmigiano. A scaglie, con l'aceto balsamico sopra.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: